0311

Il Mobbing in ambito sportivo

Con “Mobbing” ci si riferisce a tutte le forme di terrore psicologico sul posto di lavoro, ad attacchi sistematici e reiterati, abusi, oltraggi, soprusi esercitati da colleghi o da un superiore su un lavoratore indesiderato per diverse ragioni. Da ciò può conseguire la mortificazione morale e l’emarginazione del dipendente, con effetto lesivo del suo equilibrio fisico e psichico e del complesso della sua personalità” (ex multis: Corte di Cass. 3875 del 2009). La stessa Cassazione, nella stessa sentenza, ha poi definito “mobbing”, “un  comportamento del datore di lavoro (o del superiore gerarchico, del lavoratore a pari livello gerarchico o addirittura subordinato), il quale, con una condotta sistematica e protratta nel tempo e che si risolve in sistematici e reiterati comportamenti ostili, pone in essere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica nei confronti del lavoratore nell’ambiente di lavoro. [Continua…]